E’ stata una serata ricca di significati, messaggi, progetti e tanta amicizia quella che l’UCID ha vissuto venerdì 10 giugno presso la parrocchia di Sant’Antonio a Salsomaggiore Terme.
Il primo momento è stato quello della Santa Messa celebrata dall’assistente spirituale don Luigi Guglielmoni in memoria dei soci e dei familiari defunti della sezione.
Molto profonda, forte e ricca di guida paterna la riflessione che don Luigi ha voluto dedicare ai soci durante l’omelia dopo aver ripercorso i bellissimi e salienti momenti vissuti dall’associazione in questi primi mesi dell’anno su tutti il Pellegrinaggio in Cattedrale. “Misericordia – ha detto don Luigi – vuol dire avere cura uno dell’altro, non seminare il malcontento, saper riconoscere il bene il tutti con la consapevolezza che l’altro è parte di me ed io dell’altro. L’UCID è una formidabile possibilità di catechismo per adulti che grazie al nostro impegno ci aiuta a leggere la realtà così complessa che stiamo vivendo. Per questo abbiamo il compito e la necessità di farci carico anche del peso di questo territorio. Dobbiamo parlare di più fra di noi, fare proposte e progetti in un movimento di dare e avere che ci fa crescere tutti. Il Giubileo ci insegna anche questo: che c’è tanto bene nell’associazione. Grazie per quello che siete e che fate la Chiesa Cattolica e per il nostro territorio”. Al termine della celebrazione il Presidente Enrico Montanari ha annunciato la presentazione dei nuovi soci: “Li accogliamo con grande piacere e con l’affetto proprio di un gruppo di persone che ha scelto di caratterizzare la vita, professionale e privata, alla ricerca del Bene Comune mediante comportamenti coerenti con lo spirito evangelico e gli indirizzi della Dottrina Sociale della Chiesa che sono i segni distintivi del nostro essere UCID a Fidenza: centralità della persona, accolta e valorizzata nella sua globalità. L’utilizzo dei beni del Creato, nel pieno rispetto dell’ambiente. Il sano e corretto esercizio dell’impresa e della professione, per moltiplicare i talenti ricevuti, a beneficio di tutti. Conoscenza e diffusione del Vangelo, applicando le indicazioni della Dottrina Sociale della Chiesa. Promuovere la solidarietà e sviluppare la sussidiarietà”.
Durante la cena che si è svolta nei locali della parrocchia sono stati presentati i nuovi soci: Albertini Vittorio, Maurizio Amato, Corrado Bertozzi, Fabio Bonatti, Claudio Caraffini, Fiorenza Colla,Eugenia Cordani, Decio Degli Esposti, Giorgio Lovili e Alessandro Utini. A tutti è stato consegnato oltre al distintivo dell’associazione, lo statuto, la carta dei valori e la preghiera dei soci UCID.
A chiudere l’intesa serata la relazione del prof. Michele Rusca Direttore della struttura complessa Chirurgia toracica e del Dipartimento chirurgico generale e Specialistico dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Parma. Il prof. Rusca, classe 1951, vive a Salsomaggiore Terme, si è laureato in Medicina e Chirurgia all’Università di Parma con la specializzazione in chirurgia generale e oncologia clinica. Si è poi specializzati nei principali centri europei in particolare presso la clinica di chirurgia toracica dell’Università di Bordeaux e Parigi in Francia. Il prof. Michele Rusca con molto semplicità e con l’ausilio di una presentazione ha ripercorso le principali tappe sia della storia della diagnosi che delle prognosi della chirurgia toracica tra passato, presente e futuro. Hanno impressionato e coinvolto con profonda ammirazione i numeri dell’impegno quotidiano del prof. Rusca e della sua equipe che nel 2015 hanno effettuato 350 interventi con un indice di mortalità dello 0,9% molto più basso della media nazionale pari all’1,8%. “Oggi la valutazione dei nostri paziente – ha detto il prof. Michele Rusca – viene effettuata da un gruppo multi di specialistico ed in un unica seduta vengono date le indicazioni terapeutiche più adatte al paziente. Lavoriamo per guarire, dare una chance a tutti e per evitare sofferenze inutili al paziente. Per questi casi le cure palliative possono fornire un percorso alternativo meno invasivo.” Tante sono state quindi le domande rivolte all’illustre ospite che ha risposto on molta sincerità e chiarezza. Un lungo applauso ha salutato la sua relazione. A tutti presenti è stato fatto dono da parte della socia Antonella Lambri del bellissimo libro “Il Padre Nostro per la famiglia” di don Luigi Guglielmoni e Fausto Negri con la prefazione di mons. Vincenzo Paglia Presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia.
Grande soddisfazione in tutti i soci per la visita il prossimo 10 ottobre del Ministro dell’Ambiente Giancarlo Galletti che ha accettato l’invito del Presidente Enrico Montanari. Un appuntamento che sta già diventando un vero e proprio evento per il nostro territorio per il quale la macchina organizzativa si è già messa in moto.

Amedeo Tosi